1. You are here:
  2. Home
  3. News
  4. Marjorie Davies Star Tap Awards 2014

Marjorie Davies Star Tap Awards 2014

Marjorie Davies Star Tap Awards 2014

23 September 2014

Reports from this year’s outstanding Awards, from an Italian perspective

I usually like to write something regarding the Tap Faculty events, but this time I think I’ll leave the pen to my two students and one mum who were with me at Cecil Sharp House in London for the Marjorie Davies Star Tap Awards. A long time ago I had the chance to live this experience a couple of times, once by myself (as an attendee) and once with two young students, one of which was my sister.

Being back, after many years, in the same studio and with my own students was something you can only understand if you have experienced it yourself. I’m sure you will get an idea of what the Tap Awards are all about by reading the words below of an Italian mum who helped me realise this little dream of letting my young tappers experience something special and bring the memories and feelings of the Awards back to our country.  

Antonio Barone, FISTD


ITALIAN

Una prospettiva tutta italiana sugli eccezionali Awards di quest’anno

Solitamente mi piace scrivere qualcosa riguardante gli eventi della Facoltà di Tap ma questa volta credo sia più opportuno lasciare la penna ai miei due studenti e una mamma che, con me, erano alla Cecil Sharp House di Londra per i Marjorie Davies Tap Awards. 

Ho avuto la possibilità di vivere questa esperienza diverse volte: molto tempo fa, da solo e come partecipante, poi in compagnia di due non proprio giovani allieve (una delle quali è mia sorella). 

Essere di nuovo qui, dopo molti anni, nello stesso studio e con i miei studenti è qualcosa che si può capire solo se la vivi almeno una volta nella vita. Sono sicuro che, per avere un’idea di ciò che sono i Tap Awards, basti leggere le parole di una mamma italiana che mi ha aiutato a realizzare questo piccolo sogno: permettere a due tra le mie giovanissime allieve di vivere qualcosa di speciale e di portare le loro impressioni nella nostra nazione.

Antonio Barone, FISTD


London has always held a special fascination for Italians. It is the city of a thousand possibilities, which can open many doors, especially if you are an artist. This time the appeal was amplified from having seen a real show, the Marjorie Davies Star Tap Awards.

When we arrived I was expecting a real theatre with a stage, stalls, lights, sounds, confusion and hysterical, anxious mothers roaming the corridors with their proud daughters. I already knew that there would be lots of people there. Instead, it was a building with an entrance that I thought looked similar to that of our own school, where the organisers of the event welcomed us and kindly showed us where the girls could get changed.

The other participants, all British, arrived in the locker room in an orderly, quiet fashion. Many girls dressed themselves and remained highly focused while waiting to start the competition, preparing like true professionals. Once our girls were ready, I settled down with the teacher in the studio. All this took place in a room, entirely made of wood, looking a bit austere and a bit too serious for a dance competition. I was a bit nervous, it was the first time my daughter would follow a tap dance lesson entirely in English and it was her first solo in front of such a prestigious audience. But when the lesson began I was transfixed from the very first words of the teacher. The musicality of her voice, the clarity with which she explained the steps and her warm and pleasant smile put even the most nervous at ease (such as my daughter). I was hanging off every word the teacher said to the point where I wasn’t just watching my daughter anymore. It was like I was going to stand up and perform the steps myself.

It was all so pleasant and engaging that I forgot I was following a dance lesson in a foreign language. The young tappers were dancing the short sequences and amalgamations in lines or one at a time as the teacher explained them. It seemed that everyone was able to follow properly and all three judges could see them clearly. When they started to perform their own dances, I could not believe my own eyes. I was expecting a high level and considerable preparation, but not like this. The kids were phenomenal, they entered one at a time, very focused, neatly and quietly. The judges glanced down only to take some notes; their eyes were always kept on the kids. And in the studio the audience was showing respect for and interest in all the young performers with their complete silence. 

When the music started I felt I was watching many short musicals. The choreography was spectacular and all the kids, from number 1 to number 140, performed their dances with confidence and firm belief, looking the judges straight in the eye. They changed the atmosphere of the whole room with each different style of music from swing to blues to pop. Everything was executed with a unique artistry. The sound of the metal taps was in full harmony with the songs chosen; it sounded like an extra musical instrument added to the other ones with a pleasant, melodious sound that emphasized the rhythm of the song.

They worked through the dances in quick succession and when they announced my daughter’s number I felt very emotional. I held my breath for the duration of the performance because it was really brave of her to dance at such a prestigious event. I was really proud of her at that moment.

It didn’t feel like I was watching as many performances as I did because everything ran smoothly and was a pleasure to watch. The kids told their stories well through the way they danced to each song. I was glued to the chair and I did not want to get up even for a coffee (and you know how much Italians love to have coffee) because I didn’t want to miss even a sound or a beat of the shoes on the floor. Everything was completed precisely on time and I have to say that I was a bit disappointed when it was all over.

On my way back to the hotel, I thought several times that I would not have wanted to be in the judges’ shoes, having to decide who deserved to win the awards. To me everyone was good and deserved a commendation. Who knows, maybe next year we will be back and I’ll sit in the front row to enjoy the show again. I am very grateful to my daughter’s teacher, Antonio Barone. He gave us the chance to enjoy this incredible experience. I finally understand the hard work he is doing, in a country where tap dance is not so popular and does not have the same respect as ballet or modern, but also because I have now seen real talent with my own eyes.

Maria Grazia Spadavecchia, Martina’s mother


ITALIAN

Londra da sempre esercita, su noi italiani, un fascino particolare: è la città delle mille possibilità, che ti spalanca tante porte, specie se sei un artista. Questa volta il fascino è stato amplificato dall’aver assistito ad uno spettacolo vero e proprio: gli Star Tap Awards.

Quando siamo arrivati mi aspettavo un teatro vero e proprio con un palco, platea e gradinata, clamore, luci, suoni, confusione, mamme che si aggiravano isteriche e ansiose per i corridoi con al seguito figlie altezzose e piene di sé, e sapevo già che i partecipanti non fossero pochi. Invece s’è presentato, ai miei occhi, un edificio simile ad una nostra scuola con all’ingresso le organizzatrici dell’evento che ci hanno accolto gentilmente e mostrato dove le ragazze potevano cambiarsi. 

Gli altri partecipanti, tutti inglesi, arrivavano negli spogliatoi in maniera ordinata, silenziosa, molte ragazzine si vestivano e si truccavano da sole, e rimanendo molto concentrate, si riscaldavano, in attesa di cominciare la gara, preparandosi per la coreografia, come delle vere professioniste. Quando le nostre ragazze si sono preparate noi (io e l’insegnante) ci siamo accomodati. Il tutto si svolgeva in una sala, interamente fatta di legno, dall’aspetto un po’ austero e un po’ troppo serio per un concorso di danza. Io ero un po’ tesa, era la prima volta che mia figlia avrebbe seguito una lezione di tap dance interamente diretta in inglese ed era il suo primo assolo davanti ad una così prestigiosa commissione. Ma quando è cominciata la lezione sono stata rapita già dalle prime battute dell’insegnante, dalla musicalità della sua voce, dalla chiarezza posta nello spiegare i passi, dal suo caloroso e piacevole sorriso che mettevano a proprio agio anche gli animi più agitati (come quello di mia figlia). 

Ed io sono stata talmente presa da tutto ciò che non seguivo più mia figlia ma pendevo dalle labbra dell’insegnante, quasi dovessi alzarmi io ad eseguire quei passi. Era tutto talmente piacevole e coinvolgente che non mi sembrava di assistere ad una lezione in una lingua che non era la mia e di cui conosco ben poco. I giovani tappers si alternavano in file, o singolarmente, davanti alla commissione per eseguire gli esercizi che l’insegnante spiegava loro e mi sembrava che tutti riuscissero a seguire bene il tutto e ad avere un’ottima visibilità da parte dei giudici. Quando hanno cominciato ad eseguire le proprie coreografie, non potevo credere ai miei occhi: mi aspettavo un livello alto e una preparazione notevole ma non fino a quel punto. I ragazzini erano fenomenali, entravano uno per volta, concentratissimi, ordinati, silenziosi, si posizionavano davanti alla commissione che era attentissima a seguirne le coreografie. I giudici abbassavano lo sguardo solo per appuntare qualche considerazione, tenevano sempre gli occhi puntati sui ragazzi, aiutati dal silenzio dell’intera sala che così mostrava interesse e rispetto per i ragazzi che si stavano esibendo. 

Quando partiva la musica sembrava di assistere a tanti piccoli e brevi musical: le corografie erano spettacolari, i ragazzi, tutti quanti indistintamente dal numero 1, il primo, al 140, l’ultimo, hanno eseguito i loro balletti con sicurezza, convinzione, guardando sempre i giudici dritto negli occhi, facendo sognare l’intera sala trasportata, a seconda del brano swing, blues, pop, in luoghi e contesti diversi con atmosfere contrastanti, il tutto eseguito con un senso artistico unico, ballando con tutto il proprio essere. Il suono delle claquette era in piena armonia con i brani musicali scelti, sembrava uno strumento musicale aggiunto agli altri che emetteva un suono piacevole, melodioso e leggero che sottolineava il ritmo del brano musicale. 

I balletti si sono alternati velocemente ed è stata un’emozione fortissima quando hanno annunciato il numero di mia figlia. Ho trattenuto il respiro per tutta la durata del balletto perché è stata davvero coraggiosa ad esibirsi in un contesto così prestigioso: sono stata molto orgogliosa di lei in quel momento. 

Non ho mai assistito ad un numero così alto di balletti senza rendermene conto, perché il tutto era scorrevole e accattivante. I ragazzi riuscivano a trasmettere il messaggio del brano musicale su cui ballavano! Ero inchiodata a quella sedia e non avevo voglia di alzarmi neanche per un caffè (e si sa quanto noi italiani ci teniamo al caffè) pur di non perdermi neanche un suono, un colpo di claquette. Alla fine mi è dispiaciuto che il tutto sia finito in perfetto orario essendosi svolto con un ordine e una precisione estrema, da veri inglesi: questo perché non ho mai assistito ad un evento così spettacolare ed entusiasmante. 

Andando via ho pensato più volte che non avrei voluto mai essere stata al posto dei giudici per decidere chi meritava i premi e chi no: erano stati tutti talmente bravi che io ne avrei assegnata una per ciascuno. Chissà, forse l’anno prossimo ci torneremo e io siederò nuovamente in prima fila per godermi lo spettacolo. Sono molto grata al maestro Antonio Barone per aver permesso a me e a mia figlia di vivere questa giornata incredibile non solo perché ho capito il lavoro che sta svolgendo in una nazione in cui il tap non è famoso e non ha lo stesso rispetto quanto la danza classica ma anche di aver visto personalmente cosa è il vero talento.

Maria Grazia Spadavecchia, mamma di Martina


PARTICIPANTS

My participation at the Star Tap Awards has been a really great experience, a unique opportunity to confront myself with other tap dancers from a different country and take part in a tap class entirely delivered in English. I’ve discovered new sides of tap dance that I didn’t know, and others that I’m studying, such as: how to achieve greater expression in dance with the whole body and not just the feet; working to attain a very high technical level; the use of different tools from the usual top hats and umbrellas, and the choice of various musical genres, from slower to faster ones. I am convinced that this will help my personal growth and I hope to put into practice what I learned on Sunday 4th May in my upcoming performances – an incredible day that I can hardly forget.

Martina, 13 years

La mia partecipazione agli Star tap Awards è stata davvero un’esperienza fantastica, un’opportunità unica per confrontarmi con ballerini di tap, non appartenenti alla mia nazione, e partecipare ad una lezione di tap interamente tenuta in inglese. Ho scoperto lati della tap dance che non conoscevo ancora mentre ne ho visto degli altri che, invece, sto studiando: una maggiore partecipazione emotiva (col corpo, non solo con i piedi), un’espressività evidente, un altissimo livello tecnico, l’uso di accessori diversi dai soliti cilindri e ombrelli, la scelta di vari generi musicali, dalle musiche più lente a quelle più veloci. Sono convinta che tutto ciò servirà alla mia crescita personale e spero di riuscire a mettere in pratica, nelle mie prossime esibizioni, ciò ho vissuto domenica 4 maggio 2014, giornata incredibile che difficilmente potrò dimenticare.

Martina, 13 anni


This experience has been beyond my expectations. I just thought it would be a performance, but I am back at home with the desire to learn even more, especially the new steps. Although it was my first time in London and my communication in English wasn’t great, it was fun and exciting, especially because I compared myself with other dancers speaking one unique language – the sounds of tap dance.

Vanessa, 12 years

Questa esperienza si è presentata molto diversa dalle mie aspettative: pensavo solo di esibirmi ma son tornata a casa con la consapevolezza di voler imparare ancora di più cose nuove. Nonostante fosse la mia prima volta a Londra, è stato molto divertente e soprattutto emozionante perché mi sono confrontata con altri ballerini parlando un unico linguaggio: quello dei suoni della Tap Dance.

Vanessa, 12 anni

 

 

Back to news listing